Navigation Menu+

Apparecchiare la tavola in giardino: come fare?

Posted on mag 15, 2015 by in Vita all'aperto | 0 comments

Quando organizziamo un pranzo o una cena all’aperto ci troviamo spesso in difficoltà nel decidere com’è meglio apparecchiare la tavola. Certamente non possiamo seguire le stesse regole di quando ci troviamo indoor: cambia il contesto, e di conseguenza cambiano le buone norme da rispettare per essere dei buoni padroni di casa con i nostri ospiti.

Oggi vogliamo dunque fare un po’ d’ordine tra tutte le cose che è opportuno fare… e non fare quando si tratta di apparecchiare la tavola in giardino. Perché il galateo a tavola è importante, dentro e fuori casa!

Sul tavolo in giardino non dimenticate di…

  • posare una tovaglia perfettamente stirata o, in alternativa, un runner o delle tovagliette. Sarebbe bene non rinunciare mai a questo capo, qualsiasi sia lo stile che vogliamo dare alla nostra tavola: il nostro consiglio è di optare per tessuti leggeri ed estivi, bianchi o a tinta unita, purché siano colori sobri e raffinati, che lascino percepire le forme sottostanti.
  • disporre di fermatovaglia e fermatovaglioli in caso di vento: un accorgimento che proteggerà tovaglia… e commensali dagli effetti collaterali della brezza estiva!
  • posizionare intorno al tavolo torce e lanterne alla citronella che proteggano la tavola da zanzare, mosche e insetti che potrebbero rovinare il nostro pranzo o la nostra cena all’aperto.

 

 

… e ricordate di NON

  • utilizzare bicchieri in plastica: potrebbero volare via alla prima folata di vento. Meglio scegliere bicchieri in vetro, o se proprio non volete rinunciare alla plastica non dimenticate di scegliere degli appositi fermabicchieri.
  • posizionare sul tavolo candele eccessivamente profumate o centrotavola ingombranti: potrebbero essere elementi di disturbo e rovinare la vostra serata o il vostro pranzo in compagnia.
  • scegliere una mise en place troppo pesante: ricordatevi che siamo all’aperto e che l’atmosfera dovrà essere sicuramente più informale. Le posate (meglio se in acciaio, per evitare che volino via) dovranno limitarsi a quelle per il primo, il secondo e il dolce, e dovranno esserci al massimo due bicchieri a commensale, uno per l’acqua e uno per il vino.

Ecco un esempio di come noi abbiamo apparecchiato il nostro tavolo Alloro per un pranzo in terrazzo: essenziale, luminoso e raffinato.

Tavolo Alloro

Tavolo Alloro

Cosa ne dite?

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: